Norme Tecniche di attuazione del Regolamento Urbanistico

SSI.6.d.9 PARADISINO-GHIRIGORO-PIAZZA GRAMSCI (UT 6.3) - ATTUATA

Le previsioni del Piano attuativo di Iniziativa Pubblica approvato con Delibera di C.C. n°48 del 15.06.2006, pubblicata sul BURT n°39 del 27.09.2006, sono annullate, limitatamente alle parti non attuate.

Obiettivi:

L'obiettivo è la riqualificazione delle aree verdi e affacciate sul mare del sistema insediativo, la tutela della zona interessata dalla duna costiera, la tutela di una importante area a verde situata nel centro urbano.

Descrizione:

Si tratta di un'area verde che contribuisce al soddisfacimento degli standard, che svolge funzioni ornamentali, di riequilibrio atmosferico, di svago, di sport e di riposo.

Interventi ammessi - Quantità insediabili:

  • - Sugli edifici esistenti sono ammessi gli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria e di ristrutturazione edilizia.
  • - È consentita la nuova edificazione per una quantità massima di S.L.P. pari a mq. 400,00.
  • - I nuovi edifici devono essere realizzati esclusivamente nelle zone attualmente non interessate da alberature e dalla duna costiera.
  • - Altezza massima ml. 4,5 e un solo piano fuori terra.
  • - È vietata la realizzazione di locali interrati o seminterrati anche non costituenti S.L.P. con la sola esclusione di locali destinati a impianti tecnologici.

Destinazioni d'uso

per gli edifici esistenti:

  • Attività urbane - esclusivamente attività commerciali al dettaglio di ridotte dimensioni, ristorazione e pubblici esercizi, attività per lo spettacolo, il tempo libero, l'istruzione, la cultura, la pratica sportiva e la cura personale;
  • Attività di servizi : attrezzature di interesse comune.

Per gli edifici di previsione:

  • Attività urbane - esclusivamente attività per lo spettacolo, il tempo libero, l'istruzione, la cultura, la pratica sportiva e la cura personale;

Modalità di intervento:

Per gli edifici di previsione ai sensi dell'art. 20 del PS intervento pubblico o privato convenzionato, subordinatamente alla stipula di una convenzione con l'Amministrazione Comunale che ne garantisca l'uso pubblico e la disciplina della gestione e della manutenzione.